MINI & BASKET Reggio Calabria

Presentato il progetto “Insieme per la legalità nella Scuola”

E’ stato presentato questa mattina nell’aula magna dell’istituto De Amicis-Bolani il progetto “Insieme per la legalità nella scuola”.

“Insieme per la legalità nella scuola”, promosso dall’Associazione Gianluca Canonico e dalla Fondazione Antonino Scopelliti in sinergia con l’istituto Comprensivo De Amicis-Bolani, vedrà la Lumaka essere parte attiva di un progetto che ha la legalità, nel senso più completo del termine, come centro di gravità.

Il progetto prevede lo svolgimento di appuntamenti che nascono allo scopo di accompagnare gli alunni della scuola primaria in un percorso formativo e di crescita incentrato su temi strettamente connessi alla legalità, come il rispetto delle regole, il bullismo e l’integrazione.  

“Insieme per la legalità nella scuola” è strutturato in una sequenza di incontri in cui gli alunni, delle classi quarte e quinte, avranno modo di confrontarsi con una equipe di professionisti che, senza alcuno scopo di lucro, metteranno a disposizione esperienza e competenza al servizio del progetto. 

Sarà presente nei vari incontri una folta rappresentativa della nostra società capitanata da Luca Laganà, che stamattina al termine della conferenza stampa ha ribadito ulteriormente quanto sia “importante legare i concetti di legalità con le sensazioni positive dell’infanzia, come la gioia e la libertà d’espressione che si vivono prima nei momenti di gioco libero e poi nello sport”.  

L’obiettivo del progetto è quello di creare una rete condivisa di valori che possa accompagnare le future generazioni in un percorso di crescita basato su un sistema di riferimento a forte valenza etica. Per questo motivo tutti gli incontri saranno guidati dagli psicologi dell’ASPIC e dagli avvocati della Camera Minorile, e saranno basati sul binomio Forze dell’Ordine/Sport. 
 
Gli argomenti trattati spazieranno dalla capacità di essere indipendenti all’importanza del rispetto delle regole e dell’integrazione, dal bullismo al corretto ed appropriato uso di internet, passando per il doping e le tematiche sociali e familiari oggi di maggior interesse. 

La realizzazione del piano di lavoro vede la fattiva ed attenta collaborazione della Questura di Reggio Calabria e dei reparti della Polizia di Stato, delle società sportive e dei loro esperti, dell’ASPIC Psicologia dello sport di Reggio Calabria, della Camera Minorile di Reggio Calabria, e di esperti conoscitori delle problematiche familiari e dei minori, supportati da società sportive, dalla FSI scuola, e dal COISP Sindacato di Polizia di Reggio Calabria.